08 October, 2008

表参道でのニュース。Qualcosa di nuovo a Omotesando.


Qualche mese fa, in una fredda ma limpida giornata di sole, mi sono imbattuta in un vero gigante in costruzione. Quasi quasi ho provato pena per quel colosso che si erigeva timido per una delle vie più trafficate della Capitale del Sol Levante, Omotesando, mostrando le sue nudità attraverso sottili teloni. Tra le occhiate indifferenti degli indaffarati passanti, il mio stupore davanti alle evoluzioni della gru in cima.


A rivederlo oggi, mentre sfidavo la sottile pioggia autunnale per cercare di immortalarlo degnamente, mi sono un po' commossa. Si è fatto bello con le sue vetrate verticali ritmate e la sua silhouette un po' svasata, che ricorda certe pieghe base dell'origami.
In una citta come Tokyo, famosa per i suoi cambiamenti urbanistici repentini e a volte deludenti (che fine ha fatto il ristorantino di ramen all'angolo dello stradone???), è bello poter osservare la nascita di un nuovo elemento. Sperando che lo lascino lì, nel suo splendore di specchi, il mio amico grattacielo.

17 comments:

Cinghius - Andrea said...

Sorpresa!

Eccola lì a Tokyo!!
Attendiamo trepidanti le cronache di questo soggiorno!

Chantilly said...

la nascita è sempre un emozione, anche quando si tratta di un edificio. molto elegante nella forma tra l'altro.

Stefania Campanella said...

Come dicevamo qualche sera fa davanti a un sushi home made strepitoso (il tuo), in questo Tokyo e New York si assomigliano: quello che c'è oggi potrebbe non esserci più domani. Di sicuro non ci sarà dopodomani.

The City

Max said...

Quel grattacielo è "bellello"!

nicolacassa said...

non ti sei ancora fatta sentire e sono preoccupatissimo!!!!!!!!!!

Elisabetta said...

Sai chi l'ha progettato?

calendula / trattalia said...

mi piacciono i grattacieli, mi sono sempre piaciuti sono così dinamici... danno l'idea del movimento, del nuovo che avanza.. e nonostante non siano più una novità a livello architettonico, non stancano mai la vista...

twostella il giardino dei ciliegi said...

Che bel post! Mi hai fatto ricordare che l'anno scorso ci siamo affannati a cercare un noodle bar a londra visitato un anno prima, e l'abbiamo trovato chiuso :-(

Kazu said...

Andrea:
abbi fede, ho già un paio di cosine in caldo ;)

Chantilly, Max, Calendula:
adoro i grattacieli e nel prossimo post vi presenterò un nuovo colosso di Shinjyuku (un altro mio amico eheh).

Stefina:
in autunno qui si mangiano dei sushi particolari che negli altri periodi dell'anno non si trovano... Se potessi farteli assaggiare!!!

Twostella:
ahah tipico anche di Londra, ma se non altro si può trovare presto qualcosa di simile. La prossima volta andate da Wagamama, non ve ne pentirete (magari lo conoscete già).

Nic:
:)

Eli:
Vivi-chan sta indagando per me, un attimo di pazienza :)

sandra said...

A volte durante il cammino incontriamo luoghi interessanti che ci colpiscono.. E purtroppo quando ci torniamo, la sorpresa può essere amara:trovarli chiusi!
Buon week end

stefy said...

Io ho appena saputo che hanno tolto lo Snoopy gigante del negozio di fronte alla stazioncina Yamanote di Harajuku... :-( Ci ero affezionata, perché cinque anni fa è stato il punto di ritrovo del primo incontro a Tokyo con persone che poi sarebbero diventate i miei migliori amici...

Elisabetta said...

... sto qua, non mi muovo...

Imma said...

Effettivamente e' proprio bello. Sembra quasi che segua il soffio del vento (ma mi auguro che non l ofaccia!!!)Ciao

Il Signor P. said...

Splendido

Salvatore Cosentino said...

Molto interessante vedere come fosse prima della costruzione

complimenti per il blog

ciao ciao

Mario said...

Hai ragione, sembra avere proprio le forme degli origami (O_o). Ma solo a me da un'impressione di delicatezza e fragilità? Forse è solo un effetto della foto...

Fatti sentire tata, buon divertimento! ^^

zazie said...

Io ho sofferto molto quando hanno distrutto tutte le casette del periodo meji sulla omotesando st. per farci quello schifo di omotesando hills. Erano molto carine, con i loro negozietti etnici e le galerie d'arte sgarrupate. E' il motivo per cui il signor Tadao Ando e Mr. Mori (quello che possiede anche Roppongi Hills) mi stanno un po' antipatici.

Related Posts with Thumbnails